Quantcast
Razze di Gatti

Gatto tigre: oncilla

posted by Antonio 0 comments
Gatto-tigre-oncilla

Nome scientifico: Leopardus tigrinus

Distribuzione:

Il Leopardus tigrinus è noto anche come oncillas, tiger cat, little spotted cat, tigrillo e gato-do-mato-pequeno (portoghese). Questa specie felina è ampiamente diffusa in Sud America e America Centrale, in Argentina, Brasile, Colombia, Costa Rica, Ecuador, Guiana francese, Guyana, Nicaragua, Panama, Paraguay e Perù. Sono elencati nell’appendice I della CITES (Convenzione sul commercio internazionale delle specie minacciate di estinzione) che limita il commercio, la vendita delle sue pellicce, la caccia e la cattura del gatto per il commercio di animali domestici.

In Brasile sono stati trovati negli altopiani delle foreste subtropicali, nelle foreste primarie secondarie, ma anche nei campi di piantagioni, nelle aree deforestate e nella monocoltura degli eucalipti. I Tigrini hanno la preferenza per la foresta di nuvole montane. Questi magnifici felini sono molto agili, atletici e attenti ai loro dintorni e mangiano una grande varietà di piccole prede, tra cui uccelli, insetti, rettili e roditori. Hanno una routine notturna e solitaria, fatta eccezione per l’accoppiamento stagionale quando il maschio si avvicina alla femmina.

Descrizione:

I tigrini sono uno dei più piccoli gatti selvatici trovati in America centrale e in Sud America, hanno mostrato una silhouette e un’impronta che assomigliano molto ad un gatto domestico. Hanno un peso di soli 4,9 libbre (2,2 kg) e di solito non superano i 6 libbre (2,8 kg) con i maschi leggermente più grandi delle femmine. Si osserva che i maschi adulti possono essere molto aggressivi nei confronti delle femmine.

Il loro mantello ha un colore di fondo da marrone chiaro a ricco di ocra, giallastro o grigiastro, con macchie marrone scuro o nero, belle rosette e chiazze. I lati inferiori sono molto chiari e talvolta bianchi, con macchie nere. Gli arti possono essere individuati e la coda è lunga, spessa, con macchie che si sviluppano in anelli neri. Hanno una struttura fragile, con ossa leggere, una piccola testa stretta, occhi dorati espressivi, grandi orecchie arrotondate e il dorso delle orecchie è nero con una macchia bianca. La pelliccia è corta, spessa e soda, si trova vicino alla pelle. Qualche tigrino melanico può essere occasionalmente trovato, specialmente dal sud-est del Brasile.

Riproduzione:

L’allevamento in cattività è stato molto problematico per il Tigrino, a causa dell’insufficiente conoscenza di questa specie. Sono molto timidi, riservati ma possono essere molto aggressivi e non si sa molto del loro comportamento, delle esigenze dell’habitat o dell’ecologia in natura, poiché non sono mai stati condotti studi selvaggi. È noto che i maschi sono generalmente fertili e sessualmente maturi dopo i 18 mesi, ma le femmine di solito non danno alla luce i loro primi rifiuti fino a 24 mesi. La stagione degli amori per il Tigrino è all’inizio della primavera e in estate. Può avere una o due cucciolate all’anno e da 1 a 2 cuccioli in una cucciolata. Alla nascita i cuccioli possono pesare 50/80 grammi e sono molto, molto piccoli. Dopo l’accoppiamento, i maschi non prendono parte alle cure dei gattini. Le femmine sono incinte da 70 a 78 giorni. I gattini aprono gli occhi a 10 giorni e iniziano a mangiare cibo solido a 45 giorni. I cuccioli diventano indipendenti dopo i 4 mesi. La longevità ha una durata media di 11 anni nell’habitat naturale, ma hanno vissuto da 16 a 20 anni in cattività.

Minacce:

la deforestazione è la più grande minaccia per il Tigrino e il più grande predatore di questi gatti è l’uomo. Attraverso la caccia e le trappole, l’uomo uccideva spesso questi meravigliosi felini perché la sua pelliccia producesse pellicce. Inoltre vengono catturati per essere venduti come animali domestici.

Facebook Comments
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: