fbpx

Il gatto con gli stivali – La Fiaba Classica per Bambini

Fiaba il gatto con gli stivali

C’era una volta un povero mugnaio che aveva tre figli. Gli anni passarono e il mugnaio morì,lasciando solo il suo mulino,
il suo asino e un gatto.
Il figlio maggiore prese il mulino, il figlio secondogenito andò a cavallo dell’asino e il figlio più piccolo ereditò il gatto.

“Oh, bene,” disse il figlio più giovane, “mangerò questo gatto e gli toglierò alcuni guanti dalla sua pelliccia.
Allora non avrò più nulla al mondo e morirò di fame “.

Il gatto ascoltava il suo padrone lamentarsi così, ma fingeva di non aver sentito nulla. Invece, ha fatto una faccia seria e ha detto:
“Non sembrare così triste, maestro. Dammi solo una borsa e un paio di stivali,
e ti mostrerò che non hai ricevuto una tale scarsa eredità in me. ”

Il maestro del gatto lo aveva spesso visto giocare un gran numero di astuzie per catturare ratti e topi,
come quando era solito appendersi ai talloni, nascondersi nel grano e fingere di essere morto.

Pensandoci sopra, pensò che non era impossibile che il gatto potesse aiutarlo dopotutto,
così diede al gatto la sua borsa e passò gli ultimi centesimi a ordinare un bel paio di stivali per il gatto.

Il gatto sembrava molto galante negli stivali, e mettendo la borsa intorno al collo,
ne teneva le corde nelle due zampe anteriori e giaceva accanto a un labirinto di conigli, che ospitava un gran numero di conigli.

Infilò crusca e mais nella sua borsa e, stiracchiandosi come se fosse morto, attese che alcuni giovani coniglietti,
non ancora a conoscenza degli inganni del mondo, venissero a frugare nella sua borsa per la crusca e il grano.

Il gatto con gli stivaliNon molto tempo dopo essersi sdraiato, aveva ciò che voleva.
Un giovane coniglio avventato e sciocco saltò nella sua borsa, e Monsieur Puss immediatamente tirò vicino le corde e lo catturò.

Fiero della sua preda, andò con lui a palazzo e chiese di parlare con sua maestà. Fu mostrato di sopra nell’appartamento del re,
e facendo un inchino basso, gli disse: “Ti ho portato, signore, un coniglio del labirinto, che il mio nobile signore,
il marchese di Carabas (perché quello era il titolo che fa il micio fu lieto di dare il suo padrone)
mi ha comandato di presentare a Vostra Maestà da lui “.

“Dì al tuo padrone”, disse il re, “che lo ringrazio e che mi fa molto piacere.”

Un’altra volta andò a nascondersi in un campo di grano, tenendosi la borsa aperta,
e quando una coppia di pernici vi si imbatté,
tirò le corde e così catturò entrambi.

Andò a fare un regalo di questi al re, come aveva fatto prima del coniglio.
Il re, allo stesso modo,
ricevette le pernici con grande piacere e gli ordinò dei soldi per bere.

In questo modo, il gatto continuò per due o tre mesi a portare regali al re,
dicendo sempre che erano del suo padrone, il marchese di Carabas.
Un giorno in particolare, sentì al palazzo che il re stava progettando di guidare nella sua carrozza lungo la riva del fiume,
portando con sé sua figlia, la principessa più bella del mondo.

Il gatto con gli stivali disse al suo maestro: “Se seguirai il mio consiglio,
la tua fortuna è fatta. Non hai nient’altro da fare se non andare a lavarti nel fiume,
nel posto che ti mostrerò e lasciare a me il resto. ”

Il figlio del mugnaio ha fatto ciò che il gatto gli ha consigliato, senza sapere perché o perché.
Mentre stava lavando, il re passò e il gatto cominciò a gridare:
“Aiuto! Aiuto! Mio signore, marchese di Carabas, sta per essere annegato! ”

A questo rumore il re mise la testa fuori dal finestrino della carrozza,
e trovando che fosse il gatto che gli aveva così spesso portato una partita così buona,
ordinò alle sue guardie di correre immediatamente in aiuto di Sua Signoria,
il marchese di Carabas.

Mentre stavano tirando fuori dal fiume il povero marchese, il gatto si avvicinò alla carrozza e disse al re che mentre il suo padrone stava lavando,
venne da alcuni ladri, che se ne andarono con i suoi vestiti,
sebbene avesse gridato: ” Ladri! Ladri! “Più volte, più forte che poteva.

Questo gatto astuto aveva nascosto gli abiti sotto una grande pietra.
Il re ordinò immediatamente agli ufficiali del suo guardaroba di correre e prendere uno dei suoi migliori abiti per il Lord Marchese di Carabas.

Il re fu molto contento di incontrare il marchese di Carabas, e gli ottimi vestiti che gli aveva dato gli stavano benissimo,
anche se povero, era un tipo bello e ben fatto.

La figlia del re aveva una inclinazione segreta per lui,
e il marchese di Carabas non aveva appena lanciato due o tre sguardi rispettosi e un po ‘teneri,
ma si innamorò di lui per distrarsi. Il re lo invitò a sedersi in carrozza e a cavalcare insieme a loro,
con i bagnini in uniforme scintillante trottando lungo il fianco.

Il gatto, felicissimo di vedere il suo progetto iniziare a succedere, marciare prima,
e incontrare alcuni contadini che falciavano un prato, disse loro: “Brava gente, tu che stai falciando,
se non lo dici al re che il prato che fai falciare appartiene al mio Lord Marchese di Carabas,
quei soldati ti faranno a pezzi come erbe per la pentola. ”

Il re non mancò di chiedere le falciatrici a cui apparteneva il prato che stavano falciando.

“Al mio signore marchese di Carabas,” risposero del tutto, poiché le minacce del gatto li avevano spaventati terribilmente.

“Vedi, signore,” disse il marchese, “questo è un prato che non manca mai di produrre un raccolto abbondante ogni anno.”

Il gatto maestro, che andava ancora avanti prima, incontrò alcuni mietitori e disse loro:
“Buona gente, voi che state mietendo, se non dite al re che tutto questo grano appartiene al Marchese di Carabas, voi sarete tritato come erbe per la pentola. ”

Il re, che passò di lì a un minuto, desiderava sapere a chi apparteneva quel granello, che poi vedeva.

“Al mio signore marchese di Carabas”, rispose il mietitore, e il re ne fu molto contento, così come il marchese, che si congratulò con lui.

Allora il re disse: “Andiamo ora al tuo castello”.

Il figlio del mugnaio, non sapendo cosa rispondere, guardò il gatto che disse:
“Se Vostra Maestà non farà altro che aspettare un’ora, andrò avanti prima e ordinerò che il castello sia pronto per voi”.

Con ciò, balzò via e andò al castello di un grande orco e chiese di vederlo,
dicendo che non poteva passare così vicino alla sua casa senza avere l’onore di rendergli omaggio.

L’orco lo accolse civilmente come poteva fare un orco e lo fece accomodare.

“Mi è stato assicurato”, disse il gatto, “che tu hai il dono di poterti trasformare in ogni sorta di creature come desideri;
puoi, ad esempio, trasformarti in un leone, o elefante, e simili. ”

“È vero,” rispose l’orco molto vivacemente, “e per convincerti, mi vedrai diventare un leone.”

Il gatto era così terrorizzato alla vista di un leone così vicino che si arrampicò subito sulle tende,
non senza difficoltà, perché gli stivali non gli servivano per arrampicarsi.
Poco dopo, quando Puss vide che l’orco aveva ripreso la sua forma naturale,
scese e ammise di essere stato molto spaventato.

“Tuttavia,” disse il gatto, “temo che non sarai in grado di salvarti nemmeno sotto forma di leone,
perché il re sta arrivando con il suo esercito e significa distruggerti.”

L’orco guardò fuori dalla finestra e vide il re che aspettava fuori con i suoi soldati, e disse:
“Cosa dovrei fare? Come posso salvare me stesso? ”

Gatto rispose: “Se puoi anche trasformarti in qualcosa di molto piccolo, allora puoi nasconderlo.”

In un attimo, l’orco si trasformò in un topo e cominciò a correre per terra. Puss non appena lo vide,
ma cadde su di lui e lo mangiò.

Puss, che sentì il rumore della carrozza di Sua Maestà che sfrecciava sul ponte levatoio,
corse fuori e disse al re: “Vostra Maestà è la benvenuta in questo castello del mio signore marchese di Carabas”.

“Che cosa! Mio signore marchese, “gridò il re. “Questo castello appartiene anche a te?
Non ci può essere nulla di più bello di questo tribunale e di tutti gli edifici maestosi che lo circondano.
Entriamo in esso, per favore. ”

Il marchese diede la mano alla principessa e seguì il re, che andò per primo. Passarono in una spaziosa sala,
dove trovarono un magnifico colpo di rum, che l’orco aveva preparato per i suoi amici,
che erano proprio quel giorno per visitarlo. Gli amici, tuttavia, non osavano entrare,
sapendo che il re era lì.

Sua Maestà era perfettamente affascinato dalle buone qualità del mio signore marchese di Carabas,
come sua figlia, che era caduta violentemente innamorata di lui, e vedendo la vasta proprietà che possedeva,
gli disse, dopo aver bevuto cinque o sei bicchieri: “Se non lo fai, mio ​​Lord Marchese, diventa mio genero, sarà di tua scelta.”

Il Marchese, facendo parecchi inchini, accettò l’onore che Sua Maestà gli aveva conferito,
e immediatamente, lo stesso giorno, sposò la principessa.

Il gatto divenne un grande signore e non si mise più a correre dietro ai topi,
tranne che per il piacere.

La storia del Gatto con gli stivali

La storia popolare che conosciamo oggi come “Il gatto con gli stivali”,
nacque come favola scritta da Giovanni Straparola (1480-1557), nelle “Piacevoli notti”.

La favola racconta la triste situazione di un povero mugnaio che aveva tre figli, e solo  ha solo tre possessi di valore,
infatti al primo lascio un mulino, al secondo un asino, e al terzo lascio il suo gatto.

Sapendo che presto morirà,  consegna i suoi averi ai suoi figli.

Ma la storia continua con il gatto, poiché il giovane era molto triste non sapendo che farsene del gatto essendo molto povero,
il gatto gli parlo e gli disse, “non preoccuparti fidati di me procurami un cappello,
un paio di stivali e un sacco e io ti prometto che farò di te un uomo ricco.

Il giovane che nulla aveva da perdere, si procuro il necessario e fu cosi,
che il gatto una volta indossati stivali e cappello, andò nel bosco,
catturò della selvaggina e la porto al re, donandola a lui da parte del suo padrone che chiamo marchese di Carabas.

Il gatto continuò questo rituale di offrire al re della selvaggina da parte del suo padrone,
fino a quando un giorno udi di una passeggiata del re con la figlia,
e cosi concordo un piano con il suo padrone.

Chiese al suo padrone a di recarsi in un fiume vicino, spogliarsi e entrare in acqua.
Costantino fa come chiede il gatto. Quando fu nel fiume,
il gatto inizio ad urlare che il suo padrone era stato derubato.

Il gatto furbo sapeva che il re sarebbe passato vicino e avrebbe sentito le grida di aiuto.
Il re venne in soccorso e invitò Costantino nel suo palazzo.

Pensando che Costantino fosse ricco, decise che sua figlia, Elisetta,
avrebbe potuto sposarlo. Dopo essersi sposati, Costantino si preoccupò di non avere una casa ne ricchezze da donare a questa fanciulla ma il gatto fece un altro piano.

Il gatto con gli stivali sapeva che li vicino viveva un orco, che sapeva tramutare il suo corpo in quello di qualsiasi altro animale,
il gatto lo convinse a trasformarsi una volta, e poi ancora ,
ed ancora fin quando lo convinse a trasformarsi in un topo e fu cosi che lo mangiò.

Dopo aver ucciso l’orco dono tutte le sue ricchezze al suo padrone che potette cosi vivere felice e contento.

Nel Racconto di storie di Giambasttista Basile (Pentamerone), ci si presenta un’altra versione della stessa storia,
avvengono alcuni semplici cambiamenti .  Il padre diventa la madre,
il nome del personaggio principale cambia in quello di Cagliuso;
e il gatto viene chiamato “gatto fatato”, poiche si narra di una fata che con un incantesimo aiuto il giovane uomo.
La storia segue essenzialmente la stessa trama della versione di Straparola, ma varia in piccoli dettagli.

La storia che conosciamo oggi, è generalmente uguale alle altre versioni, ma non offre la stessa morale.
Offre invece una lezione che sembra incentrata sui benefici della menzogna e dell’essere ricchi.

il gatto con gli stivali film

Il gatto con gli stivali dal 2011 e anche un famosissimo film di animazione diretto da Chris Miller.
La figura del gatto con gli stivali è quella di un abilissimo fuorilegge che ruba per vivere ,
abile spadaccino costretto a vivere da latitante, dopo essere stato abbandonato da piccolo in un orfanotrofio.
Nonostante il suo aspetto da duro il suo buon cuore regala al suo personaggio uno sfondo eroico.

Il film è uno spin-off della saga di “Shrek” e vede come solo protagonista il gatto con gli stivali.
Inoltre il film non presenta nessuna connessione con l’omonima fiaba,
ma presenta stranamente un riferimento alla fiaba di Giacomino il fagiolino magico.

Nel 2015 inoltre è stata prodotta una serie animata del titolo “Le avventure del gatto con gli stivali”.

Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.