fbpx
Cura dei Gatti

Sterilizzare i gatti. Laparoscopia

posted by Noidigitale 0 comments

All’età di 7-9 mesi, i gattini diventano sessualmente maturi e quindi pronti per riprodursi. La maggior parte dei proprietari di gatti non ha né il tempo né il desiderio di allevare gattini e, quindi, molti ricorrono a un’operazione come la sterilizzazione dei gatti o al suo tipo non cavitario: la laparoscopia.

In questo materiale vi diremo cos’è la sterilizzazione, come e quando viene eseguita, cosa devono sapere i proprietari di gatti su questa operazione e sul periodo postoperatorio.

La sterilizzazione di un gatto sta privando un animale della capacità di riprodursi chirurgicamente.

Tipi di sterilizzazione del gatto

  • legatura delle tube di Falloppio – oggi un modo impopolare di sterilizzare i gatti, poiché l’estro rimane, il gatto continua ad attrarre i gatti e c’è un alto rischio di infiammazione uterina;
  • rimozione delle ovaie (ovariectomia) – durante tale operazione, il medico rimuove solo le ovaie, lasciando l’utero. Il flusso del gatto si interrompe. Il rischio di malattia dell’ovaio policistico, neoplasie mammarie, ovviamente, diminuisce, ma l’infiammazione dell’utero è ancora una minaccia per il gatto;
  • la rimozione delle ovaie e dell’utero (ovarioisterectomia) è l’operazione più ottimale dal punto di vista medico, che non solo previene gravidanze indesiderate, elimina l’estro, ma riduce anche al minimo la comparsa di infiammazione dell’utero, ovaie, tumori al seno, ecc.

A che età sterilizzare un gatto

Alcuni veterinari affermano che questa procedura può essere eseguita a qualsiasi età (non c’è differenza quando è meglio farlo), mentre altri veterinari insistono categoricamente sull’intervento a 4-6 mesi.

La maggior parte degli esperti motiva la sterilizzazione prima della pubertà che la procedura in un’età successiva impedirà la gravidanza, ma non cambierà il comportamento dell’animale durante l’attività sessuale. Pertanto, non ritardare la decisione di sterilizzare il tuo gatto.

Pro e contro della chirurgia

Tra i proprietari di gatti, ci sono due opinioni opposte. Alcuni sostengono la naturalezza e consentono ai loro animali domestici di partorire. Altri, e ce ne sono sempre di più ogni anno, sono inclini all’opinione degli attivisti per i diritti degli animali che sono contrari alle gravidanze indesiderate e incontrollate.

Professionisti:

  • prevenzione di gravidanze indesiderate, un modo umano di trattare gli animali randagi;
  • un aumento dell’aspettativa di vita, un gatto sterilizzato vive 2-4 anni in più;
  • ridurre il rischio di cancro dell’utero, delle ovaie e delle ghiandole mammarie;
  • ridurre il rischio di contrarre infezioni a trasmissione sessuale;
  • l’animale diventa più calmo e più affettuoso;
  • i gatti sterilizzati hanno un metabolismo più lento, hanno bisogno di meno cibo;
  • mancanza di reazioni comportamentali indesiderate durante l’attività sessuale.

Svantaggi:

  • la sterilizzazione è un intervento chirurgico, quindi sono possibili complicazioni, sia dall’anestesia che nel periodo postoperatorio;
  • le prime due settimane dopo l’operazione, dovrai osservare il gatto in modo che non violi l’integrità dei punti;
  • è possibile un aumento dell’appetito.

Con un’attenta attenzione al gatto e una cura adeguata, tutti gli svantaggi si sovrappongono ai vantaggi. Ricorda, sei responsabile del tuo animale domestico!

È possibile fare a meno della chirurgia?

Ad oggi non esiste alternativa alla sterilizzazione. Se pensi che sia meglio lasciare che il gatto soffra più volte all’anno o, peggio, è meglio dare pillole che sopprimono l’attività sessuale, allora ti sbagli.

  • In primo luogo, guardare e ascoltare il tormento di un animale volenteroso è un test per i proprietari, e immagina quanto sia difficile per un animale.
  • In secondo luogo, l’uso frequente e prolungato di pillole contro il “desiderio sessuale” è molto dannoso per la salute del vostro animale domestico.

Pertanto, prima di iniziare un gatto, decidi perché lo stai facendo e come rendere la vita del tuo animale domestico il più lunga e confortevole possibile.

Come preparare un gatto per la sterilizzazione

La sterilizzazione di un gatto è un’operazione addominale, un intervento chirurgico eseguito sotto l’influenza dell’anestesia generale. Per ridurre al minimo le potenziali complicazioni e ridurre i livelli di stress, è necessario preparare il gatto per un intervento chirurgico.

Preparazione per la chirurgia:

  • Visita preoperatoria da parte di un veterinario e consulto preliminare. Devi assicurarti che l’animale sia assolutamente sano e non ci siano controindicazioni per un intervento chirurgico. Il medico può prescriverti un esame delle urine e delle feci. Durante l’estro, il gatto non viene sterilizzato.
  • Esaminando la scheda di vaccinazione. Se il tuo gatto non è mai stato vaccinato o è stato vaccinato più di un anno fa, 3-4 settimane prima dell’operazione, è necessario vaccinarlo. Nel periodo postoperatorio, il corpo del gatto è molto suscettibile a infezioni e virus.
  • Trattamento antiparassitario. Pulci e vermi devono essere rimossi dal gatto 20 giorni prima dell’intervento proposto (questo è particolarmente importante per i gatti che si trovano all’aperto).
  • Manicure. Il gatto ha bisogno di tagliare gli artigli in modo che l’animale non si graffi durante il periodo di guarigione della ferita postoperatoria.
  • Ulteriori esami. Se il tuo animale domestico è di mezza età o più vecchio, ha una predisposizione ai problemi di salute a causa delle caratteristiche della razza ( gatti britannici e scozzesi ), allora è del tutto possibile prescrivere metodi di esame aggiuntivi (prelievo di sangue per analisi, ecografia o ECG ).
  • Preparato antistress. Se il gatto è nervoso e irritabile, il medico può prescrivere dei sedativi alcuni giorni prima dell’intervento. Questi farmaci vengono somministrati solo come indicato da un veterinario.
  • Dieta affamata. Alla vigilia dell’operazione, è necessario interrompere l’alimentazione dell’animale 12-18 ore prima dell’intervento e l’acqua viene interrotta per 5-7 ore. L’anestesia a stomaco pieno provoca un riflesso del vomito, che è pericoloso prima, durante e dopo l’intervento chirurgico.

Com’è la chirurgia addominale

La cosa più importante che devi ricordare è che l’operazione (rimozione delle ovaie e dell’utero dell’animale), sebbene non così difficile, deve essere eseguita da un medico altamente qualificato in una clinica veterinaria!

La rimozione delle ovaie e dell’utero viene eseguita attraverso un’incisione addominale (sull’addome), quindi, immediatamente prima dell’operazione, il gatto viene rasato via dal pelo sullo stomaco o leggermente di lato. Quindi l’animale viene iniettato in anestesia generale, viene praticata un’incisione nell’addome, sterilizzato e infine cucito.

Un’alternativa più delicata alla chirurgia di sterilizzazione addominale, sempre più utilizzata dai proprietari di gatti, è la laparoscopia. Ne parleremo più avanti.

Laparoscopia dei gatti

La sterilizzazione laparoscopica dei gatti è un intervento chirurgico che viene eseguito in anestesia generale, ma è minimamente invasivo, cioè quello in cui l’area di intervento nel corpo del gatto è ridotta al minimo.

Come viene eseguita la laparoscopia?

Il chirurgo esegue incisioni minime, di solito non superiori a 1 cm, anche se viene eseguita la sterilizzazione per rimuovere non solo le ovaie, ma anche l’utero.

Quindi uno strumento speciale viene inserito nelle incisioni: tubi speciali dotati di dispositivi chirurgici per la sterilizzazione, una fonte di luce e una telecamera alle estremità. Pertanto, il chirurgo vede cosa sta succedendo all’interno delle incisioni su un monitor speciale, che visualizza un’immagine ingrandita dalla telecamera del laparoscopio.

Pro della laparoscopia

Vantaggi della laparoscopia rispetto alla chirurgia di sterilizzazione addominale convenzionale:

  • l’operazione è parsimoniosa, può essere eseguita nei gatti, da 6-7 mesi a 13-15 anni;
  • a causa dell’intervento chirurgico minimo, il rischio di complicanze postoperatorie infettive è praticamente ridotto a zero;
  • cura postoperatoria minima delle suture (trattamento 1-2 volte) o completa assenza di queste;
  • l’assenza di una grande incisione riduce al minimo il dolore postoperatorio del gatto;
  • un ciclo profilattico più blando di antibiotici rispetto al corso dopo un intervento chirurgico addominale;
  • non è necessario indossare una coperta postoperatoria;
  • le suture vengono applicate con fili speciali che si sciolgono oppure è presente una colla speciale con cui vengono incollate le punture chirurgiche;
  • l’animale ritorna al suo solito modo di vivere il più rapidamente possibile dopo l’operazione.

Come evitare le conseguenze

  1. Non cercare di risparmiare denaro su un’operazione del genere, però, ed è piuttosto costosa rispetto al metodo classico di sterilizzazione di un gatto. Una laparoscopia ben eseguita non può essere economica!
  2. Verificare in anticipo le qualifiche del medico. La gamma limitata di movimento del chirurgo durante tale operazione, una diminuzione della sensibilità tattile delle mani del medico: tutto ciò richiede un medico altamente qualificato che eseguirà l’operazione sul tuo gatto.
  3. Accetta solo un intervento chirurgico in una clinica. Alcuni veterinari possono suggerire un intervento chirurgico a domicilio. Non dimenticare che la sterilizzazione laparoscopica è, sebbene delicata, con interventi minimi, ma comunque chirurgica, eseguita in anestesia generale.
  4. Non accontentarti di un intervento chirurgico senza misure preparatorie. Se il veterinario ti assicura che la preparazione per un’operazione del genere non è necessaria, puoi portare il tuo gattino subito – corri da un tale aspirante dottore.

Prendersi cura di un gatto dopo la sterilizzazione

In genere, i gatti si riprendono sorprendentemente rapidamente dopo l’intervento chirurgico. Ma alcuni veterinari possono lasciare il gatto sotto la loro supervisione per 12-24 ore per assicurarsi che tutto sia in ordine. Se il tuo medico ti offre solo una tale opzione, non rifiutare.

Perché, a differenza della castrazione dei gatti , l’operazione nei gatti richiede un intervento chirurgico più serio e l’osservazione di uno specialista dopo l’operazione non sarà superflua.

Cosa dovrebbe fare il proprietario di un gatto dopo la sterilizzazione?

Per rendere il periodo postoperatorio il più confortevole e sicuro possibile, prenditi cura di quanto segue:

  • Prepara un letto per il tuo gatto. Dopo l’operazione, l’animale proverà disagio, potrebbe rabbrividire. Prima di partire per la clinica, preparare un luogo caldo, accogliente, appartato, ma allo stesso tempo facilmente accessibile, che sarà protetto dall’abbondanza di luce, rumore e correnti d’aria. La lettiera su cui giace l’animale deve essere di cotone, priva di lanugine, morbida, pulita, stirata.
  • Posiziona il divano sul pavimento. Quando il gatto si allontana dall’anestesia, trema, cammina incerto, la coordinazione dei movimenti è disturbata per un po ‘. In questo stato, un gatto o un gattino può facilmente cadere dal divano o dalla sedia.
  • Monitora l’attività dell’animale. Per non rompere l’integrità delle cuciture, è necessario proteggere il gatto da un’attività eccessiva.
  • Rimuovere la lettiera dal vassoio. Fino a quando le ferite chirurgiche non sono guarite, metti pannolini usa e getta o carta igienica nel vassoio e mantieni la toilette pulita. Sia i filler grossolani che quelli fini possono ferire o ostruire la ferita dopo l’intervento chirurgico.
  • Usa un collare elisabettiano se l’animale ha un maggiore interesse per le suture incisionali e cerca di leccarle e spazzolarle. Mettilo sul tuo gatto finché i punti non vengono rimossi. Di solito i punti vengono rimossi 10-12 giorni dopo l’operazione. Non pensare che se l’animale si lecca la ferita, guarirà prima. Al contrario, la ferita può essere infetta o ferita.
  • Usa una coperta per proteggere le cuciture da intrusioni di gatto, sporco e germi.
  • Modifica la dieta del tuo gatto. Ricorda che i gatti sterilizzati sono inclini all’obesità poiché hanno bisogno di meno cibo rispetto alle loro controparti normali. È importante modificare la dieta per evitare l’obesità. I gatti vengono trasferiti in alimenti specializzati per animali sterilizzati. Se stai alimentando il tuo cibo naturale per animali, devi ridurre il numero di poppate e le dimensioni della porzione.

Comportamento del gatto dopo la sterilizzazione

Il comportamento di un gatto dopo la sterilizzazione, di regola, dipende dal metodo con cui è stato operato.

Dopo la laparoscopia

Di solito, dopo la sterilizzazione per via laparoscopica, il comportamento dell’animale rimane invariato.

Per diverse ore dopo l’intervento, il gatto può essere assonnato e letargico. Ma, di regola, tutto viene ripristinato in brevissimo tempo e la sera l’animale può comportarsi, praticamente, come se nulla fosse accaduto.

Dopo la chirurgia addominale

Se la sterilizzazione è stata eseguita con il metodo classico della chirurgia addominale, il periodo di recupero è molto più lungo e procede con varie restrizioni nella vita dell’animale.

Dopo la chirurgia addominale, l’animale può dormire per molte ore in più a causa dell’azione dell’anestesia. È meglio lasciare il gatto in clinica per un po ‘sotto la supervisione dei medici.

Letargia, disorientamento, andatura instabile, brividi: tutti questi segni possono comparire in un gatto durante il recupero dall’anestesia. Il proprietario dovrà seguire il gatto alle calcagna per escludere situazioni spiacevoli. Ad esempio, una caduta accidentale, colpi e, di conseguenza, possibili lesioni all’animale a causa della scarsa coordinazione dei movimenti.

È del tutto possibile che compaia dolore postoperatorio, il che rende l’animale irrequieto. Dovresti consultare il tuo veterinario sulla possibilità di usare antidolorifici. È inoltre necessario assicurarsi che il gatto non beva o mangi per 10-12 ore dopo l’operazione.

Conseguenze e complicazioni

Come ogni intervento chirurgico nel corpo, la sterilizzazione ha le sue complicazioni e conseguenze. Ciò è dovuto al fatto che ogni organismo è individuale e la risposta alla chirurgia e dopo è imprevedibile. Per ridurre al minimo i rischi, è necessario attenersi rigorosamente a tutte le norme e i regolamenti.

Vomito

A volte è una conseguenza dell’introduzione dell’anestesia, anche se vengono seguite tutte le regole di preparazione per l’operazione di sterilizzazione. Se il vomito è debole, devi solo assicurarti che l’animale non si soffochi nel suo stesso vomito. Dovresti girare la testa di lato per evitare che il vomito penetri nelle vie respiratorie. In caso di vomito grave o indomabile, consultare immediatamente un veterinario.

Temperatura

Mancanza di appetito, febbre, debolezza, sonnolenza. Questa condizione è, in linea di principio, normale, soprattutto nelle prime ore dopo l’intervento chirurgico e per 2 giorni dopo, ma non di più. Se si ha una temperatura elevata (superiore a 39 ° C) per più di 1-2 giorni dopo l’operazione, consultare immediatamente un medico.

Un calo della temperatura inferiore a 37 ° e se riscaldare l’animale con le piastre riscaldanti non aiuta, questo è un sintomo allarmante, in cui è necessario anche consultare un medico.

Emorragia interna

Ciò sarà evidenziato dal letargo dell’animale, l’animale è costantemente sdraiato, i tentativi di toccare o accarezzare causano dolore, se apri la bocca e guardi la mucosa, sarà molto pallida, quasi bianca – Consulta URGENTEMENTE un medico !

Infezione della ferita

La presenza di arrossamento, gonfiore (gonfiore), aumento della secrezione dalla ferita, se la secrezione diventa purulenta – tutto ciò richiede anche l’intervento immediato di un veterinario. La presenza di un leggero rossore e un leggero gonfiore o gonfiore è accettabile per i primi 3-4 giorni dopo l’operazione, ma non di più.

Comportamento atipico

I gatti possono mostrare un comportamento simile all’estro. Questo perché l’ovaia potrebbe non essere completamente rimossa e le parti rimanenti dell’ovaio producono ormoni che causano questo comportamento. Dovresti chiedere il parere del tuo veterinario, è meglio se è il medico che ha eseguito l’operazione.

Obesità

Ricorda che l’uso dell’anestesia e gli squilibri ormonali rallentano il metabolismo. Per eliminare la comparsa di eccesso di peso, dopo la corretta rimozione dei punti e la guarigione della ferita postoperatoria, fornire l’attività fisica quotidiana necessaria per il gatto. Prenditi cura della composizione di una dieta equilibrata . Non sovralimentare il tuo animale domestico!

Sii un proprietario premuroso e attento e se hai sintomi sospetti, non trascurare di contattare il tuo veterinario.

Costo della sterilizzazione dei gatti

Il costo dell’operazione in diverse cliniche varia notevolmente. La cosa principale che il proprietario del gatto dovrebbe capire è che il prezzo include il lavoro di un medico, punti di sutura, medicazioni, alcuni farmaci e anestesia. Pertanto, non dovresti accontentarti di offerte allettanti, ma troppo economiche.

Molto probabilmente, ci saranno costi aggiuntivi che ti aspettano. Non una singola clinica lavorerà in perdita, quindi, con un prezzo basso per la sterilizzazione, risparmieranno sulle qualifiche di un medico o sulla qualità dei materiali. Ma hai bisogno di un buon risultato dell’operazione e di un animale domestico sano.

Facebook Comments

You may also like