Quantcast
alimentazione

Cibo per gatti: quali sono gli alimenti che fanno male?

posted by Antonio 0 comments
alimetazione gatti

Quando si tratta del tuo gatto, vuoi assicurarti che abbia il miglior tipo di cibo per gatti per le sue esigenze nutrizionali. Di tanto in tanto, potresti essere tentato di dargli i tuoi avanzi e le tue prelibatezze speciali, ma ricorda che l’alimentazione sbagliata può essere velenosa per loro.

Ecco alcuni degli alimenti più tossici per i gatti:

Cipolle e aglio:

Cipolle, aglio e scalogno possono causare danni ai globuli rossi del tuo gatto e portare all’anemia.

Questi alimenti sono tipicamente velenosi se consumati in grandi quantità, ma l’esposizione a forme concentrate di cipolla o aglio, come la zuppa di cipolle o l’aglio in polvere, può anche essere tossica.

I gatti con sintomi di letargia, debolezza, riduzione dell’appetito, gengive pallide e urine da arancione a rosso scuro devono essere immediatamente portati dal veterinario.

Uova crude, carne cruda e ossa:

Proprio come gli umani, il consumo di uova crude o carne cruda può portare all’avvelenamento da salmonella o E. coli nei gatti.

I sintomi della malattia variano ma possono includere vomito, diarrea e letargia.

Salmonella ed E. coli possono anche essere trasmessi agli esseri umani, quindi fai attenzione a lavarti bene le mani dopo la cottura e tieni il gatto lontano da questi cibi crudi.

Le uova crude contengono anche un enzima che può portare a problemi di pelle e pelo.

Fai in modo che il tuo gatto non mangi ossa crude – potrebbe soffocare o ferire il tratto digestivo o danneggiare i loro denti.

Bevande al cioccolato e alla caffeina:

Abbiamo tutti sentito dire che il cioccolato può essere fatale per i cani, ma è altrettanto velenoso anche per i gatti.

Il cioccolato contiene sostanze chiamate metilxantine, che possono causare vomito e diarrea, temperatura corporea elevata, tremori muscolari, ritmo cardiaco anormale, disturbi addominali, aumento della sete e convulsioni.

Le metilxantine si trovano anche nelle bevande contenenti caffeina e dovrebbero essere evitate. Rivolgiti al veterinario se il gatto prova uno di questi sintomi. Come regola generale, i cioccolatini più scuri sono più pericolosi del latte e della cioccolata bianca.

Alcol e pasta cruda:

Le bevande alcoliche e gli alimenti che contengono alcol possono essere pericolosi per il tuo gatto.

L’ingestione può causare vomito, diarrea, tremori, disorientamento, problemi di respirazione, coma e persino la morte. 

Se pensi che il tuo gatto abbia ingerito anche una piccola quantità di alcol, portalo immediatamente dal veterinario.

È anche importante tenere il gatto lontano dall’impasto crudo. La pasta cruda causa l’espansione dello stomaco o crea ostruzioni, se credi che l’abbia mangiato portalo subito dal veterinario.

Cibi per gattini: latte e prodotti lattiero-caseari? NO

lette gattini

Anche se il tuo gatto potrebbe divertirsi a bere latte, non è necessariamente un bene per lui.
I gatti hanno difficoltà a digerire il lattosio presente nel latte, che può causare mal di stomaco o diarrea.

La maggior parte dei gatti è esposta al lattosio solo dal latte materno quando sono gattini.

Poiché i gattini bevono solo dal latte materno per alcune settimane, i loro sistemi digestivi spesso non sono in grado di gestire una reintroduzione del lattosio.

Quindi, mentre alcuni gatti non hanno problemi a tollerare il latte, non è consigliabile bere nulla se non il latte materno mentre i gattini, a causa della possibilità di problemi digestivi.

Uva e uva passa:

Anche una piccola quantità di uva e uvetta può causare l’ammalarsi del gatto – possono anche portare a un rapido sviluppo dell’insufficienza renale. Entro 12 ore dall’ingestione, a volte si verifica il vomito.

Altri segni che possono manifestarsi entro 24 ore comprendono letargia, diarrea, riduzione dell’appetito, dolore addominale e dolore addominale.

Anche se non è chiaro perché, uva e uva passa possono causare insufficienza renale nei gatti, e anche una piccola quantità può far ammalare un gatto. Vomito ripetuto e iperattività sono segni precoci.

Sebbene alcuni gatti non mostrino effetti negativi, è meglio non dare al tuo gatto alcuna uva e tenere uva e uvetta fuori da luoghi accessibili al tuo gatto.

Cibo per cani:

cibo gatti
Sebbene il cibo per cani non sia tossico per i gatti, il tuo gatto ha bisogno di un insieme di sostanze nutritive molto diverso rispetto a un cane.

Il cibo per gatti dovrebbe contenere molta vitamina A, taurina, acido arachidonico e proteine, e il cibo per cani ha livelli molto più bassi di questi nutrienti. I cani possono sopravvivere con bassi livelli di vitamina A e proteine, mentre i gatti non possono.

I cani sono anche in grado di produrre taurina e acido arachidonico, ma i gatti devono avere questi acidi nel loro cibo. Senza una quantità sufficiente di taurina, i gatti possono sviluppare malattie cardiache, problemi visivi e dentali.

Impedire ai gatti di mangiare cibi pericolosi:

La vita e il benessere del tuo gatto dipendono dal tipo di cibo che mangia.

Tenendo cibi velenosi e pericolosi fuori dalla sua portata, e assicurandosi che consumi un alimento bilanciato, la stai aiutando a rimanere sano.

Ecco alcuni semplici consigli per impedire al tuo gatto di mangiare cibi pericolosi e tossici:

Conserva gli alimenti fuori dalla portata del tuo gatto. L’installazione di serrature a prova di gatto sugli armadi può essere necessaria per un curioso gattino.

Non lasciare il tuo gatto sul bancone mentre stai cucinando o mangiando.

Non dare da mangiare agli avanzi del suo tavolo.

È particolarmente importante essere più consapevoli durante le vacanze . È probabile che ci siano più persone in giro che potrebbero dargli del cibo, molte delle quali possono sconvolgere la pancia del tuo gatto o addirittura fargli del male.

Se noti o sospetti che il tuo gatto abbia mangiato uno di questi alimenti, portalo immediatamente dal veterinario.

Mentre alcuni di questi alimenti possono solo causare al tuo gatto un leggero disagio, altri possono essere molto più pericolosi per la sua salute. In caso di dubbi, chiedi al veterinario un consiglio.

 

Facebook Comments
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: