cane e gatto insieme

Cane e gatto insieme: come mantenere la pace a casa

Spesso abbiamo usato, in senso umoristico, il famoso detto ‘’sono come cane e gatto’’. Questi due animali che appartengono a specie diverse, hanno comportamenti, abitudini e approcci completamente diversi. Per far si che possano convivere, bisogna conoscere le loro abitudini e i loro istinti.

Conoscere il comportamento del gatto e del cane

il gatto fa parte della razza felina perciò avrà di per sé un comportamento distaccato; importante per lui sono la velocità, la discrezione e lo studio accurato degli individui che ha di fronte. Per questo motivo, è considerato xenofobo.

Il cane è di solito più apprezzato rispetto ad altri animali per il suo essere sociale, affettuoso, empatico e facilmente educabile; perciò si abitua e rispetta gli ordini del padrone e l’ambiente in cui vive. Ama condividere i propri spazi, farsi accarezzare e soffre molto la solitudine.

Essendo un animale attivo, questo atteggiamento lo spinge verso altre creature, incentivato dalla curiosità per giocare insieme; nel caso questo sia un gatto, la risposta a questo approccio del cane potrebbe essere molto diversa; potrebbe sfociare in un comportamento ostile come una soffiata o un graffio, il che porterebbe a un cambio di atteggiamento anche nel cane.

Dato queste differenze comportamentali e comunicative è difficile per una famiglia adottare delle misure e delle abitudini che vadano bene ad entrambi, spesso non si riesce nel fine voluto e possono verificarsi delle situazioni poco piacevoli; i nostri due amici possono entrare in gelosia, fino anche a rendere impossibile la convivenza. Tuttavia, vi sono anche casi in cui cane e gatto vivono in simbiosi. cerchiamo di capire come fare.

Come far convivere il gatto con fido

cane e gatto

Per prima cosa, servirà molta pazienza, dedizione ed elasticità nel capire i segni dell’uno e dell’altro; al loro adattamento reciproco contribuisce quindi la comunicazione umana e animale che va oltre i limiti della specie.

Si dovrà procedere cautamente in modo da suscitare una buona prima impressione poiché essa è determinante, se così non sarà, allora il lavoro diventa ancora più difficile. Un’altra misura cautelativa è adottarli quando sono ancora cuccioli poiché la giovane età, caratterizzata da curiosità e plasticità comportamentale, facilita la conoscenza e la confidenza tra i due, in più il nuovo ambiente non subirà territorialità da parte di uno di loro.

Dato che i cani sono più facili da educare è importante concentrarsi sull’emotività del gatto per far capire che i cani non rappresentano un pericolo, né motivo di ostilità; perciò provare a premiare ogni suo contatto con il cane e ad accompagnarlo con un rinforzo positivo, sarà sicuramente meglio e proficuo.

Poche e semplici regole e atteggiamenti possono aiutare ad avere in casa due animali adorabili che non sono portati per essere amici a farli vivere insieme senza nessun pericolo. Riuscire in questo intento sarà un sogno per tutti e una serenità aggiunta per tutti gli amanti degli animali.

Facebook Comments