Quantcast
Razze di Gatti

British Shorthairs: 5 cose da sapere

posted by Antonio 0 comments
British Shorthair3

I British Shorthair vengono spesso definiti “orsetti di peluche” grazie al loro viso rotondo e al pelo folto.
British Shorthair: caratteristiche chiave
Aspettativa di vita: 12-20 anni.

Il British Shorthair, questa razza di gatti viene spesso definito un gatta “teddy bear” grazie al viso rotondo e al cappotto folto e folto.
Si tratta di gatti medio-grandi con un petto ampio e profondo e zampe corte che li fanno apparire tozzi e solidi. I maschi di questa razza tendono ad essere notevolmente più grandi delle femmine.

Le orecchie sono piccole, distanziate e arrotondate alle estremità. Anche gli occhi grandi e rotondi sono distanti tra loro, non socchiudono gli occhi e variano nei colori tra blu, arancione, verde e rame.

I British Shorthair hanno code spesse di medio-lungo che si assottigliano verso l’estremità arrotondata e raggiungono le spalle quando la coda è tenuta alta.
Il pelo è corto ma denso con un sottopelo spesso e si trova lontano dal corpo – quindi è super lussuoso.
Il colore del mantello varia ampiamente e può essere praticamente in qualsiasi combinazione, ma l’argento e il blu sono i più ampiamente riconosciuti.

British Shorthair

British Shorthair2

Da dove proviene il British Shorthair?
Secondo la Cat Fanciers ‘Association (CFA), il British Shorthair è nato nell’antica Roma.
In British Shorthair Cats , l’autore Jill C. Wheeler concorda, aggiungendo: “I romani [alla fine] portarono i loro gatti con loro in Gran Bretagna. Lì, i gatti divennero mouser importanti. ”
Questi gatti erano adattabili e potevano vivere in una famiglia come un animale domestico o correre per le strade. Molti British Shorthair, infatti, sono scesi in strada per allevare con gatti nativi.

Sebbene fosse un gatto di strada di successo, la razza era anche uno dei primi gatti con pedigree della Gran Bretagna. Nel 1871, gli allevatori iniziarono ad affinare il pedigree e scrissero il primo standard di razza. Verso la fine del 1800, British Shorthairs apparve nelle prime cat show ufficiali inglesi.

Sebbene piuttosto rara negli Stati Uniti, la razza è stata riconosciuta ufficialmente dal CFA nel maggio 1980.
Quanto sono amichevoli i gatti British Shorthair?
Jill Wheeler li chiama “animali domestici disinvolti, non distruttivi e a basso consumo energetico”.

I britannici Shorthair sono animali domestici buoni e calmi per le famiglie una volta che superano la fase dei loro gattini. Sono affettuosi, intelligenti e addestrabili e si uniranno strettamente con le loro famiglie. Di solito vanno d’accordo con i bambini ben educati.

British Shorthair3

Una volta uniti, i britannici Shorthair amano generalmente essere nei loro umani. Possono persino seguirti da una stanza all’altra, anche se non gli piace essere trasportati o tenuti in grembo. Ma apprezzano anche il loro tempo da soli, rendendolo una buona razza per una famiglia assente da casa durante il giorno.
I British Shorthair di solito vanno d’accordo con altri animali domestici, dai cani ai roditori, ai conigli e persino agli uccelli. Possono essere abbastanza goffi, quindi aspettati un paio di soprammobili spezzati se il tuo cerca di fare lunghi salti.

 

Questo è il gatto giusto per te?

I British Shorthair sono piuttosto tranquilli. Gioca con i tuoi e offri un allenamento regolare per evitare l’obesità. Il tuo gatto apprezzerà anche i giochi che stimolano l’intelligenza .
Dovresti spazzolare il British Shorthair almeno una volta alla settimana per aiutare a rimuovere i capelli sciolti, ma non sarà necessario un grooming intensivo. Questi gatti perdono un po ‘di più nei mesi più caldi.

Problemi di salute

Non ci sono quasi malattie conosciute prevalenti. La cardiomiopatia ipertrofica (HCM) si manifesta in alcune linee, ma è rara.
Adottare un British Shorthair
Se decidi di andare da un allevatore, ti preghiamo di fare la tua ricerca . Un buon allevatore non cercherà di venderti o ti permetterà di portare a casa un cucciolo di età inferiore a 12 settimane.
Gli allevatori dovrebbero anche avere completato tutte le vaccinazioni iniziali e avere una storia medica completa sui loro animali.

Facebook Comments
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: