igiene-gatto-foto

Igiene del gatto, cosa sapere

Gli amanti dei gatti lo sanno, si tratta di amici a quattro zampe davvero autonomi. Apparentemente scontrosi ma dal cuore tenero, a differenza dei cani gestiscono spazi e tempi della loro vita in totale autonomia. È così anche per la propria igiene. Questo non vuol dire che non sia possibile agevolarli nella routine quotidiana dedicata alla pulizia. Ecco una serie di consigli per rendere il vostro gatto felice e dal pelo sempre lucido e splendente.

Una lingua preziosa

Il segreto della pulizia del gatto è tutto nella sua lingua. Piccola e ruvida si presta benissimo a sostituire la spazzola e a favorire le operazioni di pulizia, portando via dal pelo sporco e polvere. Inoltre, la su salive contiene dei piccoli enzimi che svolgono un’azione antibatterica importante. Osservare il gatto quando si dedica alle attività di pulizia del proprio pelo è, a volte, quasi ipnotico. Seguire con lo sguardo la morbida lentezza dei suoi movimenti, l’eleganza e la compostezza con si ritaglia momenti preziosi per la cura del manto, incanta tutti, nessuno è immune al fascino felino.

Cosa fare per aiutare il nostro amico a quattro zampe

Ma come possiamo contribuire alla pulizia del gatto per agevolare le operazioni d toelettatura? La prima cosa da fare è ricordarsi di spazzolare bene il suo pelo, meglio se quotidianamente. Una procedura che assume ancora più importanza quando il nostro gatto ha il pelo molto lungo, come nel caso dei persiani o dei gatti norvegesi. In questo modo elimineremo una buona dose di peli che il nostro animale non ingerirà nel corso delle sue pulizie. Il rischio è quello di un accumulo di peli che crei un’ostruzione. Per questo è bene aiutarli a eliminare i peli ingeriti dall’intestino con la somministrazione periodica dell’apposita pasta che favorisce l’espulsione dei boli di pelo. Spazzolare attentamente il manto del nostro gatto non servirà, quindi, solo a renderlo più lucido e spedente ma anche a tutelarne la salute e a impedire che si vengano a formare fastidiosi nodi che rischiano di impigliarsi anche quando il gatto utilizza la lettiera.

Attenzione alla lettiera

Altro punto fondamentale per aiutare il nostro amico a quattro zampe nelle operazioni di pulizia è quello di garantirgli una toilette sempre pulita e pronta per l’uso. La lettiere del gatto, che potete acquistare anche on line, a prezzi competitivi, su portali come petingros.it, va pulita quotidianamente. Questo vuol dire che è bene eliminare grumi e feci solide ogni giorno, permettendo al gatto, animale attento alla pulizia, di utilizzare il suo bagno con la massima tranquillità. Un paio di volte alla settimana, poi, va sostituita l’intera vaschetta di sabbia, che va poi lavata e profumata con prodotti non tossici. Al bando, quindi, la candeggina. Un suggerimento: sul fondo della vaschetta mettete sempre del bicarbonato di sodio per facilitare l’assorbimento dei cattivi odori. Facile immaginare che queste operazioni richiedano, in estate, qualche attenzione in più perché il caldo favorisce la diffusione dei cattivi odori.

Occhi e orecchie, come pulirli

Tra le cose a cui prestare attenzione c’è, poi, la pulizia di occhi e orecchie. La scarsa igiene, infatti, potrebbe favorire l’insorgere di alcune patologie. Esistono prodotti studiati proprio per la pulizia delle orecchie del nostro gatto, basta versarne qualche goccia alla base e poi massaggiarla delicatamente. Per gli occhi, invece, è sufficiente una garza imbevuta di camomilla per effettuare una pulizia profonda ma delicat in caso di eccessiva lacrimazione.

 

[amazon bestseller=”igiene gatto” items=”10″]
Facebook Comments

2 thoughts on “Igiene del gatto, cosa sapere

Comments are closed.