fbpx
ARDS

Sindrome da distress respiratorio acuto (ARDS) nei gatti

SHOCK POLMONARE NEI GATTI

La sindrome da distress respiratorio acuto (ARDS) comporta una grave infiammazione dei polmoni che alla fine porta a insufficienza respiratoria acuta e morte nei gatti colpiti. Questo è un problema pericoloso per la vita, che causa la morte nella maggior parte dei pazienti nonostante gli sforzi e le cure salvavita. Un tasso di mortalità di quasi il 100 percento è riportato nei gatti affetti da ARDS. È stato scoperto che i fattori genetici svolgono un ruolo nello sviluppo dell’insufficienza respiratoria acuta nelle persone, ma questi fattori non sono ancora stati studiati nei gatti.

SINTOMI E TIPI DI (ARDS)

La sindrome da distress respiratorio acuto può presentare una serie di condizioni e sintomi, che variano a seconda della causa sottostante. Di seguito sono riportati i sintomi generali osservati nelle ARDS:

  • Sforzi estremi per respirare
  • Tosse
  • Scarico dalle narici in alcuni pazienti
  • Febbre
  • Cianosi (scolorimento blu della pelle)
  • Altri segni correlati alla specifica malattia di base

LE CAUSE DELL’ARDS

Di seguito sono riportate alcune delle principali cause di ARDS nei gatti:

  • Polmonite
  • Inalazione di fumo e gas nocivi
  • Quasi annegamento
  • Ustioni termiche
  • Aspirazione di contenuti gastrici
  • Infezioni gravi
  • Lesione polmonare dovuta a trauma
  • Altre malattie gravi

DIAGNOSI (ARDS)

La sindrome da distress respiratorio acuto è un’emergenza potenzialmente letale che richiede un trattamento immediato per qualsiasi possibilità di recupero. Insieme al trattamento di emergenza, il veterinario proverà a trovare la causa sottostante del disturbo. Saranno ordinati vari pannelli di test di laboratorio, tra cui esami del sangue, test biochimici sierici, test delle urine e gas nel sangue. L’analisi dei gas nel sangue è uno dei metodi diagnostici più importanti utilizzati nella pratica veterinaria per l’ARDS. Il veterinario ordinerà anche le radiografie del torace e un’ecocardiografia per valutare i polmoni e il cuore.

TRATTAMENTO (ARDS)

Nonostante i recenti progressi, l’ARDS rimane uno dei problemi più difficili e difficili da trattare nella pratica veterinaria.

Una volta che al tuo gatto è stata diagnosticata questa sindrome, gli verrà somministrato un trattamento di emergenza; l’ossigenoterapia supplementare viene avviata immediatamente per ridurre al minimo l’angoscia respiratoria. I pazienti che non rispondono bene all’ossigenoterapia e che continuano ad avere gravi problemi respiratori, potrebbero aver bisogno del supporto del ventilatore. Per questo motivo, molto probabilmente il tuo gatto dovrà essere tenuto in un’unità di terapia intensiva, in cui il personale infermieristico può monitorare da vicino le condizioni fino a quando il gatto non si trova fuori dalla zona di pericolo e le sue condizioni si sono stabilizzate. Il personale infermieristico prenderà regolarmente letture di temperatura, pulsazioni, frequenza respiratoria e pressione sanguigna. Insieme al trattamento di emergenza, la musa della causa sottostante deve essere stabilita e trattata al fine di prevenire ulteriori complicazioni.

I farmaci che possono essere usati per curare il tuo gatto includono antibiotici, antidolorifici, fluidoterapia e corticosteroidi. I pazienti su supporto del ventilatore possono anche richiedere sessioni di fisioterapia regolari e frequenti cambi di posizione per prevenire complicazioni legate al supporto del ventilatore. Questi pazienti sono tenuti in stretto isolamento in gabbia fino a quando non si sono completamente ripresi.

VITA E GESTIONE

L’ARDS è un problema molto serio che richiede un costante supporto da parte vostra per il trattamento, la gestione e l’assistenza dopo il periodo iniziale di scoperta. Se la malattia di base non viene risolta, può seguire lo stesso episodio di difficoltà respiratoria. Assicurati di seguire le linee guida del veterinario per cure e trattamenti adeguati. Questi pazienti di solito hanno bisogno di tempo, riposo e una buona alimentazione per ottenere il pieno recupero, ma non limitano il gatto in un luogo chiuso o caldo.

Segui le raccomandazioni dietetiche e gestionali formulate dal tuo veterinario!

Facebook Comments