Quantcast
Razze di Gatti

Gatto Birmano o gatto sacro di Birmania, storia e leggenda

posted by Antonio 0 comments
gatto-birmano

Gatto Birmano o gatto sacro di Birmania: Storia e leggende

Gli antenati dei birmani sono il siamese e il “gatto di rame” della Birmania. Si pensa che fossero gatti del tempio allevati e tenuti dai sacerdoti. 

La matriarca del moderno birmano era un piccolo gatto marrone scuro di nome Wong Mau. Apparteneva al dottor Joseph Thompson, che l’acquisto da un marinaio.

Wong Mau è stato inizialmente pensato per essere un siamese con un cappotto color cioccolato . 

Questi siamesi non erano sconosciuti in effetti i “Chocolate Siamese” sono stati descritti la prima volta negli anni 1880. 

I loro corpi erano cioccolato, e avevano punti marroncini o quasi neri. Il punto di sigillo siamese, noto anche come Siamese reale, aveva corpi più leggeri che contrastavano con i loro punti oscuri e venivano preferiti dagli allevatori e dal pubblico. 

I gatti color cioccolato alla fine scomparvero in Gran Bretagna, ma esistevano ancora in Thailandia e in Birmania, dove probabilmente erano la progenie degli accoppiamenti naturali tra il Siamese libero e gatti birmani di tinta unita. 

Wong Mau era uno di loro. Era il suo destino diventare la matriarca di due nuove razze: i birmani e, più tardi, il tonkinese.

Il Dott. Thompson ha allevato Wong Mau in un siamese chiamato Tai Mau. Il suo programma di allevamento, in collaborazione con gli allevatori Virginia Cobb e Billie Gerst e il genetista Clyde Keeler, ha prodotto gattini con cappotti beige e marroni a punta. 

I risultati, inclusa la scoperta del gene Burmese, furono così interessanti che Thompson pubblicò un articolo sull’argomento in un numero del 1943 del Journal of Heredity, il primo di questi sulla genetica felina.

La Cat Fanciers Association iniziò a registrare i birmani nel 1936 ma sospese le registrazioni nel 1947 perché gli allevatori stavano ancora usando il siamese nei loro programmi di riproduzione. 

Le registrazioni ripresero nel 1953 dopo che la pratica fu interrotta. Oggi il birmano è una razza popolare tra gli amanti dei gatti.

Gatto sacro di birmania: carattere

 

Il birmano è energico e amichevole. Ha il fascino e la determinazione dei suoi antenati siamesi, ma la sua voce è dolce. È molto intelligente e cerca la compagnia umana, quindi non è il più adatto per una casa in cui rimarrà solo per gran parte della giornata.

 Se nessun essere umano sarà in giro per impegnare il suo intelletto, assicurati che abbia la compagnia di un altro animale domestico. Va d’accordo con altri gatti e con i cani, ma ovviamente un altro birmano sarà il suo migliore amico.

I birmani sono curiosi, aspettatevi che esplori a fondo la vostra casa e sappia tutti i suoi angoli e fessure. È giocoso, e fortunatamente tende a rimane così nell’età adulta.

Stuzzica la sua mente intelligente con giocattoli interattivi e insegnagli i trucchi che gli permetteranno di esibirsi per un pubblico. 

Oltre a sedersi, rotolare, salutare e venirti incontro se chiamato, può imparare a prendere un piccolo giocattolo o camminare al guinzaglio. Con un adeguato condizionamento precoce, le corse in auto e le visite veterinarie saranno un gioco da ragazzi.

Un birmano è una buona scelta anche se perderete la maggior parte della vostra privacy,poiché , questo gatto vorrà essere coinvolto in tutto ciò che fai, dalla lettura del giornale, al lavoro al pc, alla per preparazione dei pasti al guardare la televisione. 

Lui, naturalmente, dormirà sul letto con te e potrebbe persino accoccolarsi sotto le coperte. Quando ti siedi, ti sarà in grembo o accanto, aspettando con impazienza di essere accarezzato. 

Se tendi ad ignorarlo, ti sgriderà a suo modo. Gli ospiti riceveranno tutta la sua attenzione, ed è probabile che vincerà anche con  quelli che dichiarano di non amare i gatti.

Una femmina birmana è la definizione stessa di regalità. Le piace l’attenzione e le piace essere al comando. I maschi sono più riposati e soddisfatti. Qualunque sia la tua scelta, è probabile che ti ritroverai presto a desiderarne un altro.

Gatto sacro di birmania: dimensione e caratteristiche fisiche

I birmani hanno un corpo rettangolare di media grandezza con una faccia larga e un naso romano distinto. Le loro orecchie sono idealmente larghe sulla base in quanto sono alte e dovrebbero essere posizionate sulla parte superiore della testa come sul lato. Gli occhi sono arrotondati e dovrebbero essere di un profondo blu zaffiro.

La pelliccia del Birmano è di media lunghezza e dovrebbe avere una consistenza setosa. A differenza di un persiano o himalayano , non hanno sotto-pelo, quindi sono molto meno inclini a perder pelo.

Il colore del mantello è sempre sottolineato , ad eccezione dei “guanti” simmetrici bianchi a contrasto su ogni zampa che sono il marchio di fabbrica della razza.

Il bianco deve coinvolgere tutte le dita e  fermarsi all’articolazione o alla transizione delle dita dei piedi ai metacarpi.

Questi guanti dovrebbero estendersi notevolmente sulla parte posteriore della gamba, terminando con una V estesa da metà a tre quarti sulla zampa.

Qualsiasi altro punto di bianco è considerato un grave errore. Il colore del corpo di base è da bianco a crema, con un lavaggio di colore che corrisponde ai punti, ma è molto più pallido.

I colori dei punti riconosciuti sono sigillo, cioccolato, blu, lilla (un grigio-argento più tenue), rosso o crema.

Sono ammesse anche le varianti Tabby e tortie in sigillo, cioccolato, blu o lilla; altri colori sono in sviluppo

sacro di birmania

Gatto sacro di Birmania

 

Gatto Birmano o gatto sacro di Birmania: salute

Sia i gatti con pedigree sia i gatti di razza mista hanno incidenze variabili di problemi di salute che potrebbero essere di natura genetica. I birmani sono generalmente sani, anche se possono essere inclini alla gengivite e possono essere sensibili all’anestesia. Le seguenti malattie sono state osservate anche in birmano:

  • Dermoide corneale, la presenza di pelle peli sulla superficie della cornea, che può essere corretta con successo chirurgicamente.
  • Sindrome del dolore orofacciale, indicata da esagerate leccate e movimenti masticatori e zampate alla bocca. Il disagio può aumentare quando il gatto è eccitato o stressato e spesso i gatti sono riluttanti a mangiare perché l’attività è dolorosa. Alcuni gatti devono indossare un colletto elisabettiano e avere le zampe fasciate in modo da non ferirsi. Alcuni casi si risolvono da soli, quindi si ripetono. La causa e la modalità di ereditarietà sono sconosciute. Farmaci per il dolore  possono aiutare, così come la consultazione con un dentista veterinario per escludere la malattia dentale.
  • Malattia vestibolare periferica congenita, che causa inclinazione della testa, scarso equilibrio, movimenti oculari rapidi e deambulazione non coordinata nei gattini. Alcuni gattini con la condizione possono anche essere sordi.
  • Difetto della testa birmana, un’anomalia craniofacciale.
  • Polimiopatia ipocalemica, debolezza muscolare causata da bassi livelli di potassio nel sangue, che a volte è visto nei gattini birmani. I segni includono debolezza generale, un’andatura rigida, riluttanza a camminare e tremori alla testa. Può essere trattato con integratori di potassio somministrati per via orale.
  • Sindrome del gattino a torso piatto, una deformità che può variare da lieve a grave. I gattini che sopravvivono all’età adulta di solito non mostrano segni quando raggiungono la maturità.
  • Coda attorcigliata, di solito a causa di una deformità del coccige. Non provoca dolore o fastidio.
  • Artrosi del gomito, un inizio precoce di artrite al gomito, limitando l’attività del gatto o la mobilità.
  • Fibroelastosi endocardica, una condizione cardiaca in cui il ventricolo sinistro del cuore si addensa, allungando il muscolo cardiaco. I segni di solito si sviluppano quando un gattino ha 3 settimane o 4 mesi, una buona ragione per aspettare fino a 4 mesi per portare a casa un gattino.
  • Cardiomiopatia dilatativa, un cuore ingrossato.
  • Diabete mellito , una condizione endocrina causata da un difetto nella secrezione di insulina o dall’azione dell’insulina che provoca alti livelli di zucchero nel sangue.

Gatto Birmano o gatto sacro di Birmania: cura

Il mantello morbido e corto del Burmese è facilmente curabile con spazzolatura o pettinatura settimanale per rimuovere i capelli morti e distribuire l’olio per la pelle. Raramente è necessario un bagno .

Spazzolare i denti per prevenire la malattia parodontale . L’ igiene dentale quotidiana è la cosa migliore, ma il brushing settimanale è meglio di niente. Pulire gli angoli degli occhi con un panno morbido e umido per rimuovere eventuali perdite. 

Utilizzare un’area separata del tessuto per ciascun occhio in modo da non correre il rischio di diffondere un’infezione. Controlla le orecchie settimanalmente. 

Se sembrano sporchi, pulirli con un batuffolo di cotone o un panno morbido inumidito con una miscela 50-50 di aceto di sidro e acqua tiepida. Evitare l’uso di cotton fioc che possono danneggiare l’interno dell’orecchio.

Mantenere la lettiera perfettamente pulita. Come tutti i gatti, i birmani sono molto attenti all’igiene.

Gatto Birmano o gatto sacro di Birmania:

cratteristiche fisiche

Il birmano è spesso descritto come un “mattone avvolto nella seta”, una testimonianza del suo corpo solido e muscoloso. Mentre il birmano originale era un colore marrone scuro noto come zibellino, ora viene anche in altre tonalità, tra cui blu , champagne e platino. 

I gatti hanno un corpo compatto con una testa arrotondata; occhi grandi, espressivi in ​​oro o giallo; e orecchie di media dimensione che sono arrotondate in punta e inclinate leggermente in avanti.

Il pelo è corto e satinato. Lo zibellino tradizionale è un marrone ricco, caldo, leggermente più leggero sul sotto scocca. La pelliccia di un gattino si scurisce quando matura. 

Un birmano color champagne è una calda sfumatura color miele-beige con un’abbronzatura color oro pallido sul lato inferiore. La pelle del naso è un marrone chiaro caldo e le zampe sono un’abbronzatura calda rosata. 

I birmani blu hanno un mantello blu medio con un ventre leggermente più leggero.  

Il platino birmano è un pallido grigio-argenteo con leggere sfumature fulve e un colore leggermente più chiaro sul sotto scocca. Alcune associazioni consentono altri colori, tra cui tartaruga, lilla e rosso.

Gatto Birmano o gatto sacro di Birmania:

bambini e altri animali

Il birmano è sociale, insomma una scelta perfetta per famiglie con bambini e cani che accettano gatti. Giocherà a prendere oltre a qualsiasi tetri ever, impara trucchi facilmente e adora l’attenzione che riceve dai bambini che lo trattano educatamente e con rispetto. 

Vive pacificamente con cani e gatti che rispettano la sua autorità. Introduci sempre gli animali lentamente e in circostanze controllate per assicurarti che imparino ad andare d’accordo.

 

Facebook Comments
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: