Quantcast
Razze di Gatti

Gatto di pallas

posted by Antonio 0 comments
gatto-di-pallas-foto

In tutto il mondo, un gatto selvatico elusivo e adorabile chiamato gatto di Pallas (noto anche come il manul) vaga per le praterie e le steppe dell’Asia centrale e dell’Eurasia. Scopri il gattino dalla faccia piatta e pelosa, che è stato descritto in meme e video virali e recentemente ha ricevuto la sua riserva naturale nei monti Altai in Asia.

Gatto pallas: origini del nome

Il naturalista tedesco Peter Pallas descrisse per la prima volta il gatto selvatico peloso nel 1776. Chiamò il gattino Felis manul e teorizzò che si trattava di un antenato del gatto persiano , grazie alla sua faccia rotonda, al suo mantello lussuoso e al corpo tozzo. (Si era sbagliato.)

Il suo nome scientifico significa “ugly-eared” …

Più tardi, il nome scientifico del gatto fu cambiato da Felis manul a Otocolobus manul, non proprio il moniker più lusinghiero, dal momento che l’ otocolobo è greco per “orribili”.

Ma i suoi ​​orecchi insoliti vengono in handy.

Alcuni potrebbero considerare brutte le orecchie del gatto di Pallas, mentre altri potrebbero pensare di essere adorabili. Argomenti a parte, le orecchie arrotondate del gatto – che si trovano piatte sui lati della testa – sono una delle sue caratteristiche più distintive. Come Crystal DiMiceli, un custode di animali selvatici al Prospect Park Zoo di Brooklyn, a New York, spiega nel video sopra, avere le orecchie posizionate in basso aiuta il gatto a nascondersi – non si alzano per rivelare la posizione dell’animale mentre si nasconde o la caccia.

Ha un denso, cappotto di peluche

Il mantello del gatto di Pallas è la sua vera gloria. È più lungo e più denso di qualsiasi altro mantello appartenente ad un membro della specie Felid (che diventa ancora più pesante in inverno) e il sottopelo sul ventre è due volte più lungo della pelliccia che ricopre il resto del corpo. L’ombra varia dal grigio argenteo durante l’inverno a una tonalità più scura, dai toni rossi durante i mesi più caldi. (Alcuni gatti sono anche rossi, in particolare in Asia centrale). La sua ampia testa è striata e punteggiata di segni scuri, e la sua coda cespugliosa è fasciata con strisce e una punta scura. Questi segni tendono ad apparire più scuri durante l’estate.

La sua pelliccia si conferisce al suo habitat, che la nasconde dai predatori.

I gatti di Pallas vivono in aree che vanno dal Pakistan e dall’India settentrionale alla Cina centrale, la Mongolia e la Russia meridionale. Secondo Wild Cats of the World , di Luke Hunter, il suo corpo non è adattato alla neve, quindi si attacca a habitat freddi e aridi, in particolare aree erbose o rocciose, che lo aiutano a nasconderlo dai predatori: ad altitudini di circa 1500 a quasi 17.000 piedi. Il gatto tarchiato non è un corridore veloce, quindi quando sente il pericolo, si congela e si accovaccia piatto e immobile sul terreno, e la sua pelliccia aiuta a fondersi con il suo ambiente asciutto.

 I gatti di pallas non sono grassi – sono solo voluminosi.

Questi felini in genere pesano meno di 12 libbre , e di solito sono solo 2 piedi o meno nella lunghezza del corpo, il che significa che non sono molto più grandi di un normale gatto domestico. I gatti di Pallas condividono una caratteristica in comune con i gatti selvatici più grandi, come leoni e tigri: i loro occhi. Le loro pupille sono rotonde , mentre le pupille di una casa sono verticali e a forma di fessura. Ti chiedi perché alcuni gatti hanno alunni rotondi mentre altri hanno quelli verticali? Un recente studio condotto da ricercatori dell’Università della California, a Berkeley, ha scoperto che le forme pupille degli animali potrebbero indicare il loro ruolo nella catena alimentare dei predatori / prede. Hanno analizzato 214 specie di animali terrestri (compresi i gatti), e hanno notato che le specie con alunni verticali tendevano ad essere i predatori di imboscate che erano attivi durante il giorno e la notte. Al contrario, le specie con alunni verticali erano spesso “forager attivi”, nel senso che inseguivano la loro preda. Inoltre, i predatori che sono più vicini al terreno, come i gatti domestici,erano inclini agli alunni verticali , mentre i gatti selvatici più grandi avevano quelli rotondi. I gatti di Pallas sono piccoli, e sono principalmente cacciatori di imboscate, quindi la giuria è ancora fuori se i risultati dello studio valgono per tutte le creature.

Sono cacciatori di pika

I gatti di Pallas sono cacciatori di imboscate e trascorrono gran parte del loro tempo a caccia di pika , un piccolo mammifero e altre creature come gerbilli, arvicole, lepri, scoiattoli di terra, uccelli e giovani marmotte. I pika rappresentano in genere più del 50% della dieta del gatto.

Discendono dal gatto leopardo

Peter Pallas pensava che l’animale fosse imparentato con il gatto persiano. (Pensiamo che assomigli ad un Maine Coon e ad un Scottish Fold che ha avuto un bambino e lo svezzò con latte steroide.) Tuttavia, gli esperti hanno scoperto che il parente più vicino – eppure ancora piuttosto distante – potrebbe essere il gatto leopardo .

NON SONO ANIMALI SOCIALI …

Il gatto di Pallas è notoriamente inafferrabile e passa gran parte del suo tempo nascosto in grotte, anfratti o tane abbandonate.

E NON vogliono esserlo

I gatti di Pallas possono essere adorabilmente lanuginosi, ma non sono le creature più dolci e coccolose del mondo. In realtà, sono molto aggressivi. Caso in questione: In The Wild Cat Book, gli autori Fiona e Mel Sunquist raccontano un aneddoto fornito da Bill Swanson , direttore della ricerca sugli animali del Cincinnati Zoo. Zookeepers pensava che una figliata di gatti di Pallas appena nata avesse difficoltà a respirare, ma “quando ascoltarono attentamente, si resero conto che il rumore che sentivano erano i gattini che ringhiavano e si sibilavano l’un l’altro, prima ancora che aprissero gli occhi!”

Accoppiamento del gatto pallas

I gatti di Pallas si accoppiano tra dicembre e marzo ; le femmine tipicamente partoriscono tra la fine di marzo e maggio, dopo un periodo di gestazione da 66 a 75 giorni. I gatti di Pallas di solito danno alla luce tre o quattro gattini, ma a volte le figliate possono avere fino a otto gattini. I cuccioli diventano indipendenti da quattro a cinque mesi e quando raggiungono i nove ei dieci mesi, sono abbastanza maturi da riprodursi.

Vita media

Si stima che i gatti di Pallas possano vivere fino a sei anni in natura, ma grazie ai predatori e ad altri pericoli, la durata della loro vita è probabilmente la metà di questa lunghezza. In cattività, sono stati conosciuti per sopravvivere per quasi 12 anni.

Nel 2002, l’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura ha classificato il gatto di Pallas come ” quasi in pericolo “. Molti fattori contribuiscono al loro basso numero, tra cui agricoltura, attività agricole, miniere e campagne di avvelenamento mirate a ridurre la popolazione di pika e marmotta. Vengono anche uccisi in trappole destinate ai lupi e alle volpi o ai cani domestici. E nonostante i divieti commerciali internazionali e le protezioni legali in alcuni paesi, sono spesso cacciati per la loro pelliccia. (Il grasso e gli organi del gatto sono anche usati per preparare le medicine tradizionali).

Gli scienziati non hanno dati sufficienti per stimare la dimensione della popolazione del gatto di Pallas, ma a causa della loro scarsità e delle miriadi di minacce che affrontano, gli esperti ritengono che il loro numero sia diminuito del 10-15% negli ultimi dieci anni. Per comprendere meglio e proteggere l’animale, un gruppo internazionale di ambientalisti ha recentemente assicurato una striscia di terra di 12 miglia nel Parco Naturale Sailyugemsky, che si trova tra i monti Altai tra il Kazakistan e la Mongolia, come santuario per il gatto raro. Lì, sperano di monitorare la sua popolazione, studiarne l’habitat e creare un database di informazioni che dettagliano gli incontri con esso.

Facebook Comments
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: