Quantcast
Razze di Gatti

Il gatto Bengala

posted by ange 0 comments

Storia

Con il suo caratteristico cappotto maculato e le grandi dimensioni, il gatto Bengala sembra un gatto selvatico in cerca di preda, ma sebbene uno dei suoi antenati sia il piccolo gatto selvatico asiatico leopardo, è un gatto domestico in tutto e per tutto.

I bengalesi prendono il loro nome dal nome scientifico del gatto asiatico leopardo, Felis bengalensis.

Sono stati creati attraverso incroci tra un gatto leopardo asiatico – che negli anni ’50 e negli anni ’60 poteva essere acquistato nei negozi di animali domestici – e i cuccioli domestici.

Jean Mill, un allevatore in California, è stato il primo a fare un simile incrocio, ma non perché volesse creare una nuova razza.

Aveva acquisito un gatto leopardo e le aveva permesso di tenersi compagnia con un gatto nero per non essere sola.

Con sua sorpresa, dal momento che non aveva pensato che le due specie si sarebbero accoppiate, i gattini nacquero e Mill mantenne una femmina chiazzata.

Riportandola a suo padre produsse una cucciolata di gattini chiari e robusti. Più o meno nello stesso periodo, il dottor Willard Centerwall accoppiava i gatti di leopardo asiatico con gatti domestici all’Università di Loyola.

I gatti leopardo erano resistenti al virus della leucemia felina , quindi i ricercatori erano interessati a scoprire se il tratto potesse essere trasmesso alla progenie ibrida.

Vari allevatori si interessarono allo sviluppo dei gatti come razza. Mill era uno di loro. I cambiamenti nella sua vita le avevano fatto rinunciare all’allevamento di gatti, ma lei era pronta a ricominciare.

Aveva acquisito alcuni degli ibridi del Dr. Centerwall e aveva cercato uomini adatti per allevarli. Uno era uno shorthair domestico arancione che trovò in India, e l’altro era un tabby maculato marrone acquistato da un rifugio.

Oggi i bengalesi sono considerati una razzai, e qualsiasi Bengala acquistato dovrebbe essere rimosso da almeno quattro generazioni da qualsiasi antenato con linee di sangue selvatiche.

La prima associazione di gatti a riconoscere il Bengala è stata The International Cat Association, che ha concesso lo stato sperimentale di razza nel 1983, seguito dal pieno riconoscimento nel 1991.

Il Bengala è anche riconosciuto dall’American Cat Fanciers Association, dalla Canadian Cat Association e dalla United Feline. Organizzazione. I gatti del Bengala sono così ricercati che una donna inglese ha pagato oltre $ 50.000 per il suo gatto bengala nel 1990, soprannominandoli “Rolls Royce” di compagni felini.

Dimensione e caratteristiche fisiche

Si tratta di un gatto di grossa taglia e molto muscoloso, i maschi possono arrivare a pesare 9 kg, mentre le femmine di solito non superano i 6.

La testa deve essere proporzionata, dal profilo abbastanza triangolare e somigliante a quella dei suoi progenitori selvatici.

Il naso non è particolarmente lungo; gli occhi sono grandi, e possono essere gialli, verdi oppure azzurri se si tratta di un “Snow Bengal”, varietà che si differenzia per la colorazione simile a quella del Siamese ma più chiara.

Le orecchie non devono essere molto grandi. Il pelo è corto, aderente al corpo e liscio. Le zampe sono robuste, la coda è di media lunghezza e con la punta arrotondata.

I colori ammessi sono: Spotted Tabby e Snow bengala (detto anche color leopardi delle nevi), entrambi con macchie ben pronunciate, il primo di un colore da bruno-rossastro a nero intenso.

Un difetto che in un’esposizione felina può portare alla squalifica è la presenza di macchie bianche irregolari.

Personalità

Il Bengala è molto attivo e molto intelligente . Questo lo rende divertente da vivere, ma a volte può essere impegnativo. Nel complesso, il Bengala è un gatto fiducioso, loquace e amichevole che è sempre vigile.

Nulla sfugge alla sua attenzione. Gli piace giocare, incluso il recupero, ed è un mago per imparare i trucchi. Le sue zampe agili sono quasi buone come le nostre mani.

I gatti bengala annoiati possono anche adottare alcune abitudini non convenzionali, tra cui: accendere e spegnere gli interruttori della luce, pescare dagli scarichi e strappare CD dal lettore DVD. Appassionato di giochi in acqua , potreste ritrovarlo con un salto nella vasca o a passeggiare nella doccia con voi.

Acquario e pesci di stagno possono essere a rischio dalle sue zampe intelligenti. Ama anche arrampicarsi e spesso si trova appollaiato nel punto più alto che può raggiungere in casa. Un albero alto o due è un must per questo felino.

Nelle rare occasioni in cui non dondola sui candelabri o nuota nella tua vasca o piscina, l’affettuoso bengalese sarà lieto di sedersi sulle tue ginocchia. Inutile dire che vorrà di sicuro condividere il tuo letto, ma fa attenzione sì ruba le coperte.

Salute

Sia i gatti con pedigree sia i gatti di razza mista hanno incidenze variabili di problemi di salute che potrebbero essere di natura genetica. I bengalesi sono generalmente sani, ma nella razza sono state osservate le seguenti malattie:

  • Neuropatia distale, un disturbo del sistema nervoso che causa debolezza. Può accadere in Bengala già a 1 anno di età. Fortunatamente, molti gatti guariscono da soli, anche se alcune ricadute.
  • Sindrome del gattino a torso piatto, una deformità che può variare da lieve a grave. I gattini che sopravvivono all’età adulta di solito non mostrano segni quando raggiungono la maturità.
  • Displasia dell’anca, che nei casi più gravi può causare zoppia
  • Cardiomiopatia ipertrofica, una forma di cardiopatia ereditaria in alcune razze.
  • Lussazione rotulea, una dislocazione ereditaria della rotula che può variare da lieve a grave. I casi gravi possono essere alleviati con la chirurgia.
  • Atrofia progressiva della retina, una malattia degenerativa dell’occhio.

Cura e pulizia

Il cappotto corto e spesso del Bengala è facilmente trattato con pettinate settimanali per rimuovere i capelli morti e distribuire oli per la pelle.

Raramente è necessario un bagno . Spazzolare i denti per prevenire la malattia parodontale . L’ igiene dentale quotidiana è la cosa migliore, ma il brushing settimanale è meglio di niente.

Taglia le unghie ogni paio di settimane. Pulire gli angoli degli occhi con un panno morbido e umido per rimuovere eventuali perdite. Utilizzare un’area separata del tessuto per ciascun occhio in modo da non correre il rischio di diffondere un’infezione.

Controlla le orecchie settimanalmente se sembrano sporchi, pulirli con un batuffolo di cotone o un panno umido morbido inumidito con una miscela 50-50 di aceto di sidro e acqua tiepida.

Evitare l’uso di cotton fioc che possono danneggiare l’interno dell’orecchio. Mantenere la lettiera perfettamente pulita. I gatti sono molto attenti all’igiene del bagno e una scatola sporca potrebbe farli iniziare a utilizzare altri luoghi della casa.

È una buona idea tenere un Bengala come un gatto solo per proteggerlo dalle malattie diffuse da altri gatti, dagli attacchi di cani o coyote e dagli altri pericoli che affliggono i gatti che escono all’aperto, come essere investiti da un’auto.

Tenendolo in casa proteggerete anche gli uccelli e la fauna locale da questo avido cacciatore. Se possibile, costruisci al tuo Bengala  un grande recinto esterno dove possa saltare e arrampicarsi in sicurezza.

I bengalesi che escono all’aperto corrono il rischio di essere rubati da qualcuno che vorrebbe avere un gatto così bello senza pagarlo..

Bambini e gatti bengala

Alcune razze di gatti sono tipicamente indipendenti e distaccate, anche se sono state allevate dalla stessa persona sin da quando sono nate; altri legano strettamente ad una persona e sono indifferenti agli altri; e alcuni invece donano affetto a tutta la famiglia.

La razza non è l’unico fattore che determina i livelli di affetto; i gatti che sono cresciuti in una casa con le persone intorno si sentono più a loro agio con gli umani e si legano più facilmente.

Il Bengala attivo e sociale è una scelta perfetta per famiglie con bambini e cani che accettano gatti. Giocherà e impara trucchi facilmente e adora l’attenzione che riceve dai bambini che lo trattano educatamente e con rispetto.

È abbastanza intelligente da evitare di infastidire i neonati fino ai primi passi, ma adora i bambini in età scolare perché corrispondono al suo livello di energia e alla sua curiosità.

Niente lo spaventa, certamente non i cani , e farà amicizia con loro se non gli daranno alcun problema. Presentagli sempre animali domestici, anche altri gatti, lentamente e in un ambiente controllato.

Come molti gatti attivi, i bengala hanno l’istinto da predatori e non dovrebbero essere considerati affidabili con animali più piccoli come: criceti, conigli più piccoli e porcellini d’India.

 

 

Facebook Comments
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: