gatto-addestramento

Addestrare un gatto è possibile!

Quando imparerai ad addestrare il tuo gatto, inizierai con i primi passi basilari che premiano il buon comportamento e scoraggiano il cattivo. Ma puoi addestrare un gatto nello stesso modo in cui potresti addestrare un cane? Sì e no. Poiché sono animali altamente indipendenti, i gatti potrebbero apparire distanti o disinteressati nel seguire i tuoi comandi. Ciò non significa che non puoi influenzare il loro comportamento, però. Se sei paziente e coerente, il tuo nuovo gattino o gatto più anziano può essere addestrato in pochissimo tempo.

Cosa gli vuoi insegnare a fare?

Innanzitutto, determina cosa vorresti che il tuo gatto imparasse, quindi muoviti verso di loro in piccoli modi ogni giorno. Prima di iniziare l’addestramento del gatto, tuttavia, considera quali comandi utilizzerai e quali tipi di azioni comportamentali desideri che impari. Pensa a cosa potresti esserti chiesto in passato: come addestrare il tuo gatto a usare una lettiera, come mantenere la calma durante i viaggi nell’ufficio del veterinario e simili. Come puoi insegnarle a smettere di graffiare i tuoi tappeti o mobili? Queste sono tutte le opzioni su cui puoi lavorare durante l’allenamento.

Alcuni obiettivi comuni includono:

  • Addestramento domestico o addestramento dei rifiuti .
  • Vieni da te quando chiami o gesti.
  • Mantenere la calma e ancora per la cura.
  • Interagire con te, altre persone o altri animali.
  • Giocare con i giocattoli , con te o con un altro gatto.
  • Viaggiare tranquillo (salire sul corriere e guidare in macchina).

Ci sono molte ragioni importanti per imparare perché e come addestrare il tuo gatto. Ma soprattutto, insegnarle a comportarsi in certi modi la aiuterà a diventare socievole e contenta con gli umani e gli altri animali. La formazione è importante anche per il tuo benessere; se il tuo gatto impara a essere calmo durante il taglio delle unghie o durante il viaggio, non ci sarà ansia per lei o per te. Migliore è il comportamento del tuo gatto, migliore sarà la tua relazione.

Mantieni ogni ‘sessione’ breve e naturale

Dopo aver determinato quali lezioni imparerai tu e il tuo gatto, è tempo di metterci al lavoro. Innanzitutto, l’intervallo di attenzione del tuo gatto è inferiore al tuo; non puoi aspettarti che rimanga interessata ogni volta che sei pronto per diventare il trainer. Lascia che la lezione ti dica da quanto tempo è disposta a stare in compagnia.

Dato che alcuni gattini si allenano rapidamente (o addirittura prima di tornare a casa con te) dopo aver visto la madre usare una lettiera, questo tipo di allenamento potrebbe essere breve. Tuttavia, potresti ancora aver bisogno di riportarla nella piccola scatola nelle prime fasi per ricordarle dove si trova. Se stai addestrando la tua gattina a giocare con i suoi giocattoli (e tu), tuttavia, le lezioni potrebbero essere più graduali. I gatti spesso preferiscono esplorare nuovi giocattoli da soli, il che significa che il tuo ruolo dovrebbe essere quello di rispettare il suo spazio rimanendo accessibile durante la sua esplorazione. Quindi, una volta che ha familiarizzato con un nuovo oggetto, puoi partecipare.

Inizia in piccolo

Se sei entusiasta dell’allenamento, potresti voler saltare subito e insegnare al tuo gatto tutto in una volta. Per avere successo, tuttavia, è una buona idea esercitarsi in una lezione alla volta. Una volta che il tuo gatto ha imparato tutto ciò su cui stai lavorando, puoi passare al prossimo allenamento. Quando porti a casa un nuovo gattino, ad esempio, potresti voler addestrare i suoi cuccioli subito. Una volta terminato, puoi lavorare sull’interazione con altri animali domestici, quindi calmare la toelettatura e così via.

Non limitarla a una sola area

Una volta che il tuo gatto ha appreso un comando, esercitalo in diverse aree della tua casa. Se stai introducendo un gattino ad altri animali preesistenti e li riunisci solo in salotto, potrebbe credere che l’altro animale esista solo in quello spazio. Questo non è un problema se l’altro tuo animale è un pesce, ma se il tuo gattino incontra un cane, deve capire che lo incontrerà anche in altre aree.

Proprio come l’addestramento dei rifiuti, alcuni tipi di addestramento potrebbero richiedere l’uso di diverse aree della casa. Se stai addestrando un gatto a casa, a volte è necessario avere a disposizione più di una lettiera. Evitarla di graffiare moquette e mobili garantirà anche una lezione più completa, poiché troverà questi oggetti in più di una stanza.

Coinvolgi altre persone

Se gli unici due residenti sei tu e il tuo gatto, non devi preoccuparti troppo di coinvolgere gli altri nel processo di addestramento. Eppure vuoi ancora che il tuo gatto impari a essere sociale, non territoriale. Poco dopo aver portato a casa il tuo gatto, invita amici o familiari a socializzare con il tuo nuovo animale domestico. Basta ricordare loro di non essere troppo avanti con la loro introduzione. Proprio mentre pratichi l’allenamento con piccoli spruzzi, dovresti consentire al tuo animale domestico lo stesso margine di manovra.

Se stai portando un gattino in una famiglia più grande, è ancora più importante coinvolgere tutti nel processo di addestramento. Ci sono molte ragioni per cui l’intera famiglia dovrebbe essere coinvolta, ma è molto importante per la coerenza e la costruzione delle relazioni. Dopo tutto, vedrà questi volti familiari ogni giorno! Tutti dovrebbero essere chiari sugli obiettivi della formazione e sui metodi che impiegherai per avere successo.

Usa un sistema di ricompensa

I premi per rafforzare il buon comportamento sono grandi motivatori, specialmente durante l’allenamento. Ci sono due tipi di ricompense da provare per il tuo nuovo amico peloso. Innanzitutto, sappi che apprezzerà ogni elogio positivo che devi condividere. Parla con una voce gentile e ottimista e ricordale quanto sei orgoglioso. Di ‘”Che brava ragazza” e “bel lavoro!” mentre fa capolino o si gratta la pelliccia in modo che sappia che questi gesti significano bene.

Anche i gatti rispondono bene alle prelibatezze. Premiarla con piccoli crocchette di cibo quando padroneggia correttamente i comandi su cui stai lavorando. Un modo per farlo è utilizzare un sistema “clicker”. Quando il tuo gatto preforma il comportamento o l’azione corretti, suona uno strumento che fa clic, quindi dagli un trattamento che segnali un lavoro ben fatto. Sentire questo rumore ogni volta che fa un lavoro ben fatto rafforzerà il buon comportamento che le stai insegnando ad imparare.

Se non funziona

L’addestramento non avviene dall’oggi al domani e talvolta il tuo gatto commette un errore. Puoi addestrare un gatto a riprendersi da esso? Certo, ma prima di iniziare, dovresti elaborare un piano su come correggerla o guidarla quando sembra riluttante a prenderla. La punizione non funziona bene quando stai cercando di addestrare un gattino perché il tuo gatto semplicemente non capirà perché è nei guai. In effetti, potrebbe peggiorarla e sentirsi più solitaria.

Non ti daresti mai uno schiaffo, scuotere o correggere fisicamente il tuo gattino durante l’allenamento, ma non dimenticare di mantenere la tua voce altrettanto calma. Se il tuo gatto si sente minacciato da te, non solo l’allenamento inizierà a fallire, ma imparerà solo ad avere paura di te.

Se devi reindirizzare i cattivi comportamenti (come graffiare i mobili), prova a emettere un suono rapido e acuto. Ti aiuterà anche se pronunci sempre la stessa frase, come “Bam!” “Whoa!” o “Yow!” Il punto è mettere in allerta il tuo gatto e distrarlo dall’azione o dal comportamento attuale. Evita le parole che usi regolarmente, come “no!” o “hey!” poiché il tuo gatto si confonderà quando lo sentirà in un contesto diverso.

Imparare come addestrare il tuo gatto può essere un’esperienza divertente per tutta la famiglia. Ricorda solo di essere paziente e positivo, e ci arriverai entrambi.

 

Facebook Comments